Pagine

domenica 18 aprile 2010

Penna usb


Eccovi ora l'unione tra la natura e l'uomo: un sandwich di legno con farcitura di tecnologia. La parte difficile è stata trovare la giusta combinazione di spessori in mezzo ai due fogli di abete da 4 mm (dalle mie parti chiamati "cartella"), per fare in modo che il cappuccio non sia troppo lasco. Sono partito dalla base, aggiungendo i due spessori neri e quello centrale bianco, ho tagliato la parte in mezzo creando la sede e ho incollato l'ultima cartella. Per mia fortuna gli spessori intermedi erano appena scarsi e ho allargato la parte interna del cappuccio con una lima da ferro quel tanto che basta da far scivolare la penna usb senza che si corra il rischio di perderlo. Le due cartelle esterne sono di abete cotto in autoclave, la parte centrale bianca è abete nuovo, mentr i due spessori neri sono di noce. Incollandoli ho incrociato le fibre in modo che non si spezzi il tutto. La penna l'ho incollata con il super attak mettendolo solo sulla parte metallica della penna, dandomi la possibilità di poter sostituire la memoria in caso di rottura. Un saluto a tutti.

1 commento:

  1. Bell'idea! Anche io ci penso da tempo, volevo farne una da intagliare in tiglio, poi la mia scarsa voglia nella costruzione in generale e nella falegnameria in particolare mi hanno fatto sempre desistere...un giorno ce la farò pure io :-)
    Ciao da Masso

    RispondiElimina